Decorare

Fiocco rosa e fiocco azzurro

livia_michele4livia_michele1 livia_michele3 livia_michele2 livia_michele1
Sta arrivando la cicogna!

Questa volta la cicogna è un po’ appesantita… ma è in dirittura di arrivo, non le sembra vero! Ci siamo quasi! Brava!

Anche il fiocco nascita commissionato da un’amica ha richiesto il suo tempo, la sua gestazione: è stato creato con tanto amore (ammore!), pazienza e attenzioni.

Dalla scelta dei colori, azzeccatissima – senza sapere che in casa si tifa soprattutto Granata; all’accostamento delle fantasie dei vestiti – a fiori per Livia, gessato per Michele (cravatta rimaneggiata); al colore dei capelli di “famiglia” (campionario eco pelle); agli orecchini e le piume in stile Charleston con un accenno di pizzo; e poi le tasche dei pantaloni uguali davanti e dietro e i bottoni in velluto realizzati ad hoc.

Scelte non casuali a cui hanno via via assistito le mie bimbe. Il tema gemelli ha riecheggiato per qualche tempo a casa tanto che ad un certo punto L. mi dice:

“Mamma ma esistono due fratelli gemelli uguali-uguali e poi due sorelle gemelle uguali-uguali nati tutti dalla stessa mamma ma in momenti diversi?”

“Certo, tesoro, può capitare. Ma in questo caso sono due, un maschio e una femmina, Livia e Michele, e non saranno proprio uguali-uguali, ma va benissimo così!”

 

Share

…E Natale sia!

Ghirlande per tutti i gusti.

Questa volta l’input è partito dalla richiesta di un’amica che desiderava per Natale una “vera” ghirlanda “su misura”, con tanto di renna!

Così ho colto l’occasione per sperimentare nuovi temi creativi: ghirlande natalizie autoprodotte, appunto. Ma con le stoffe!

L’occasione è stata duplice: indagare nuovi contesti creativi e (speravo!) utilizzare un po’ di materiale che abbonda negli scaffali in laboratorio!

Ho coinvolto in questa – per me nuova – esperienza una amica e compagna di laboratorio che con i fiori ci sa fare: Samantha di Armonie Arboree. E così… mettiamo qui, facciamo là, proviamo qua…questi sono i primi risultati di un lavoro a quattro mani!

Renne, angioletti, alberelli, palline…tutti in feltro di lana 100%. E poi lana, velluto, pigne, stelline e via…!

Materiali, ahimè, ne abbiamo comprati entrambe lo stesso… ma – giurin giurello – abbiamo utilizzato anche parecchie cose già a disposizione, sfruttando la fantasia e la manualità per ripensare e rielaborare, attraverso un sapiente lavoro di creazione e non di semplice (ma dignitoso!) “assemblaggio”!

 

 

 

 

Share

Ancora bottoni gioiello

Perché smettere?
Il signor Sandro ha chiuso il negozio. Lo sapevo da tempo ma speravo che il rinvio della data fosse prorogato ancora a lungo.

Ho passato molte ore nell'”archivio storico” del negozio ad analizzare bottone per bottone, scatola per scatola, a respirare aria di antico.

Un gioco finito. Uff…

Come si dice quando cerchi di assorbire più che puoi perché sai che poi finisce e vuoi fare il pieno?

Non si tratta di nutrimento di cibo. E’ una goduria della mente! Con i film o di dischi è più facile. Basta avere il dvd o il cd e lo riguardi, lo riascolti fino allo sfinimento, termina e ricomincia, e poi ancora e di nuovo.

Con gli oggetti si può accumulare, ricomprare, ma a un certo punto finiscono…non ce ne sono più. Gioco finito.

Ho capito come si dice: accumulare, accumulare, accumulare. Compulsivamente. E non averne mai basta!

…dovrei cominciare a cercare un altro posto, dove ricominciare con altre storie, altri materiali.

AAAAGGGHHHHHHH

…Intanto un mobiletto con tanti bottoni l’ho comprato per stare tranquilla, e per un po’ sono satura, diciamo così.

Buona vita signor Sandro e grazie di cuore!

Share
1 2 3 4 5 »