Posts Tagged ‘Scalda collo’

Scalda collo – scalda testa 2

Ho pensato: perché uno scalda collo caldo deve essere per forza solo “sportivo”? …Così ho lavorato alla variante prettamente femminile.

Ho comiciato con del tulle elasticizzato che mi è capitato fra le mani…l’ho fatto conoscere al pile… da quest’incontro è nato un oggetto un po’ “frou-frou”…

Sotto un aspetto frivolo nasconde un’anima calda: usato come scalda collo sembra un foularino leggero, da indossare magari con un camicia o un girocollo; in realtà, sotto sotto, è caldo e avvolgente.

Ho giocato con i tessuti, la consistenza, la lucentezza, la trasparenza.

E indossato in testa appare un cappellino vero, appena “con-turbante”, con un’anima charleston.

p.s.: Variante pratica per non spettinarsi o per chi porta gli occhiali: ho messo dei bottoni, così si aggancia come una collana.

Share

Scalda collo – scalda testa 1

Lo scalda collo è nato per rispondere ad un’esigenza molto pratica, quella di proteggere il collo andando in  bicicletta in inverno.  Poi l’ho provato anche in testa. E così è nato un unico oggetto trasformabile, poco ingombrante e versatile.

Di diverso, rispetto a quelli che si trovano “in giro”, ha alcune specificità: la qualità del pile che è micropile, morbido come una carezza, quasi impalpabile; poi è double face ovvero un lato è pile e l’altro è cotone, così può essere usato da 2 lati, ovviando anche ad eventuali irritazioni o allergie che qualche volta il pile può provocare. E poi è variamente “decorato”: anche qui, come ho fatto per alcune borse e per le magliette delle bimbe, ho giocato con il “filo d’Arianna”.

E soprattutto è molto caldo ma leggero tanto che facilmente te lo dimentichi addosso…

 E poi dal collo è salito alla testa…e si è trovato a suo agio!

Share

La “poetica” del filo d’Arianna

Ai tempi del liceo scarabocchiavo il diario seguendo con la penna il ritmo della lezione, perdendo e ritrovando il filo del pensiero lungo i percorsi, labirintici, tracciati dalla penna in libera corsa sul foglio…

Read the rest of this entry »

Share
« 1 2